Valvole a ghigliottina e valvole di ritegno: regolazione perfetta dei flussi

Per il corretto funzionamento di tubazioni per il trasporto di acque è fondamentale dotare il proprio sistema di valvole a ghigliottina e valvole di ritegno, le quali permettono di regolare, interrompere e costringere in un’unica direzione il flusso di liquidi. Nello specifico, sono le valvole di ritegno ad impedire che il flusso trasportato nelle tubazioni scorra in entrambe le direzioni. Una valvola di non ritorno (altro nome per questa tipologia di valvola) è solitamente composta da un otturatore, che può essere a disco o a sfera, vincolato ad una guida e costantemente spinto dalla forza di una molla in direzione della base della stessa valvola. In mancanza di una pressione superiore alla forza della molla o in presenza di una pressione negativa (cioè diretta nella direzione opposta al movimento di apertura), l’otturatore mantiene la valvola chiusa; mentre in caso di pressione sufficiente, la valvola viene aperta e il fluido lasciato scorrere. Le valvole di ritegno per fognature sono forse le più diffuse proprio perché, nelle tubazioni fognarie, è fondamentale impedire il reflusso delle acque verso il punto di origine, ma anche per impedire che l’impianto si svuoti nel caso la pompa subisca un improvviso arresto.

Una valvola a ghigliottina (anche detta serranda a ghigliottina) è invece composta da un otturatore a saracinesca a sezione dritta o a cuneo. In questo caso, più che di una valvola di regolazione abbiamo a che fare con una valvola di intercettazione, che può interrompere rapidamente il flusso di liquidi. Le valvole ghigliottina sono perciò utilizzate in vari contesti, quali ad esempio:

  • le opere di adduzione adibite ad uso civile o all’irrigazione e all’alimentazione di impianti idroelettrici;
  • le tubazioni per risorse idriche antincendio;
  • gli impianti di trattamento e depurazione delle acque reflue;
  • le stazioni di pompaggio;
  • i serbatoi dei circuiti idraulici.

Saracinesche a ghigliottina in PVC e PP di Lareter

Le serrande a ghigliottina sono certamente le valvole preferite per i sistemi di irrigazione in campo agricolo, in quanto permettono l’arresto manuale dell’approvvigionamento di acqua e prevengono la formazione di punti di perdita dei fluidi. Inoltre, possono essere facilmente installate su tubazioni fuori terra o sotterranee. È sufficiente girare lo stelo regolatore in senso orario per azionarle, chiudendo la saracinesca, e in senso antiorario per ritirarle. Nel caso avessimo a che fare con delle grandi masse d’acqua, e quindi delle forti pressioni che impediscono il regolamento manuale del dispositivo, è possibile installare un bypass meccanico per otturare il flusso del liquido.

Lareter S.p.A. dispone di una propria linea di valvole a ghigliottina ermetiche in PP e PVC realizzate con segmenti di tubo conformi alle norme EN 1401, i quali possono essere realizzati su misura a partire dalle esigenza dei suoi clienti. Alle tradizionali serrande a ghigliottina, Lareter affianca delle serrande ermetiche destinate agli impianti idrici che presentano una pressione del liquido interno di 2 bar. La scelta del materiale, poi, non è di certo casuale: il polivinilcloruro e il polipropilene hanno un basso peso specifico, sono altamente resistenti alle abrasioni e alla corrosione chimica, mentre il rapporto tra densità e flessibilità gli permette di resistere ad urti e pressioni costanti senza perdere la loro forma originaria.

Non esitate quindi a contattare Lareter per ottenere maggiori informazioni sulla sua linea di valvole a ghigliottina e serrande in PVC e PP.